JULIAN OF NORWICH, HER SHOWING OF LOVE AND ITS CONTEXTS ©1997-2017 JULIA BOLTON HOLLOWAY  || JULIAN OF NORWICH  || SHOWING OF LOVE || HER TEXTS || HER SELF || ABOUT HER TEXTS || BEFORE JULIAN || HER CONTEMPORARIES || AFTER JULIAN || JULIAN IN OUR TIME ||  ST BIRGITTA OF SWEDEN  ||  BIBLE AND WOMEN || EQUALLY IN GOD'S IMAGE  || MIRROR OF SAINTS || BENEDICTINISM|| THE CLOISTER || ITS SCRIPTORIUM  || AMHERST MANUSCRIPT || PRAYER|| CATALOGUE AND PORTFOLIO (HANDCRAFTS, BOOKS ) || BOOK REVIEWS || BIBLIOGRAPHY ||
 
 

MARTIN BUBER'S

JULIAN OF NORWICH, 1909
 


 

For an oral reading of these passages see http://www.umilta.net/buber.mp3

X.xxiv.46v
nd with this our good Lord said full blissfully, 'Lo, how I love you'. As if he had said,  'My darling, behold and see your Lord your God who is your Maker and your endless joy. See your own brother, your Saviour, my child, behold. See what liking and bliss I have in your salvation. And for my love joy now with me'. And also for more understanding this blessed word was said, 'Lo, how I love you'. As if he had said, 'Behold and see that I loved you so much before I died for you, that I would die for you, and now I have died for you and suffered willfully that I may. And now is all my bitter pain and all my hard travail turned to endless joy and bliss to me. And to you. How should it now be, that you should pray anything of me that delights me, but if I should full gladly grant it to you. For my delight is your holiness and your endless joy and bliss with me.

Il nostro buon Signore disse in piena beatitudine: 'Guarda quanto ti amo', come se avesse detto: 'Mia diletta, contempla e guarda il tuo Signore, il tuo Dio, che è il tuo creatore e la tua gioia eterna. Guarda il fratello tuo, il tuo salvatore; figlia mia, contempla e guarda quale gaudio e beatitudine provo per la tua salvezza, e rallegrati con me per il mio amore'. E perché comprendessi più profondamente, furono dette queste parole benedette: 'Guarda quanto ti amo', come se avesse detto: 'Contempla e guarda che ti ho così tanto amato, prima di morire per te, da voler morire per te. E ora sono morto per te, e così ho voluto soffrire. Ora tutta la mia amara pena e tutto il mio duro travaglio sono stati trasformati in gioia eterna e gaudio per me e per te. Come potrebbe ora accadere che tu mi chieda qualcosa che mi è gradito senza che io te lo conceda con grande gioia? Per il mio gaudio è la tua santità, la tua gioia e felicità eterna unita a me'.

XIV.liv.113-113v
And for the great endless love that God has to all mankind, he makes no separation in love between the blessed soul of Christ and the least soul that shall be saved. For it is full easy to believe and to trust, that the dwelling of the blessed soul of Christ is full high in the glorious Godhead. And truly as I understand in our Lord's meaning, where the blessed soul of Christ is, there is the substance of all the souls who shall be saved by Christ. Highly ought we to enjoy that God dwells in our soul, and much more highly ought we enjoy that our soul dwells in God. Our soul is made to be God's dwelling place, and the dwelling place of our soul is God who is unmade. A high understanding it is inwardly to see and to know that God who is our maker dwells in our soul. And a higher understanding it is inwardly to see and to know our soul that is made dwells in God's substance, of which substance by God, we are who we are. And I saw no difference between God and our substance but as it were all God. And yet my understanding took that our substance is in God, that is to say that God is God, and our substance is a creature in God.

E per l'infinito grande amore che Dio ha per tutta l'umanità non fa alcuna distinzione nell'amore tra l'anima santa di Cristo e la più piccola anima che sarà salvata. E' pienamente semplice credere e confidare che la dimora dell'anima beata di Cristo è eccelsa nella gloria di Dio; ma è anche vero, come compresi da quello che nostro Signore mi rivelava, che dove dimora l'anima beata di Cristo, là c'è pure l'essenza di tutte le anime che saranno salvate da Cristo. Dovremmo grandemente gioire che Dio abita nella nostra anima; e ancor più grandemente dovremmo gioire che la nostra anima dimora in Dio. La nostra anima è stata creata per essere la dimora di Dio, e la dimora della nostra anima è Dio che è increato. Sublime conoscenza è vedere e percepire intimamente che Dio, nostro creatore, dimora nella nostra anima, e una conoscenza ancora più grande è il vedere e conoscere più intimamente che la nostra anima, che è creata, dimora  nell'essenza di Dio, e per questa essenza divina noi siamo ciò che siamo. E non vidi differenza alcuna tra Dio e la nostra essenza, ma era come se tutto fosse Dio.

XIV.lvi.118
And thus I saw full securely that it is readier to us, and more easy to come to the knowing of God, than to know our own soul.  For our soul is so deep grounded in God and so endlessly treasured that we may not come to the knowing thereof, till we have first knowing of God, who is the maker to whom it is oned. But notwithstanding, I saw that we have naturally of fullness to desire wisely, and truly to know our own soul. Whereby we are taught to seek it where it is, and that is in God. And thus by gracious leading of the holy Ghost, we should know them both in one. Whether we be stirred to know God, or our soul, they are both good and true. God is nearer to us than our own soul, for he is ground in whom our soul stands, and he is the means who keeps the substance and the sensuality together so that they shall never separate. For our soul sits in God in very rest, and our soul stands in God in true strength.  And our soul is naturally rooted in God in endless love. And therefore if we will have knowledge of our soul and communing and dalliance therewith, we must needs seek into our Lord God in whom it is enclosed.

E così vidi con assoluta certezza che più prontamente e più facilmente riusciamo a conoscere Dio che non la nostra anima. La nostra anima è così profondamente radicata in Dio e così custodita per l'eternità come un tesoro che non possiamo giungere a conoscerla se prima non conosciamo Dio, il creatore al quale è unita. Ciò nonostante vidi che per la nostra natura e la nostra perfezione dobbiamo desiderare con sapienza e rettitudine di conoscere la nostra anima, imparando a cercarla dove essa è, e cioè in Dio. E così per la guida che ci viene dalla grazia del Santo Spirito noi conosceremo le due cose in una: sia che siamo spinti a conoscere Dio o la nostra anima; ambedue gli impulsi sono buoni e veri. Dio è più vicino a noi di quanto non lo sia la nostra stessa anima, poiché egli è il fondamento su cui poggia la nostra anima [Egli è il mediatore che tiene unite l'essenza e il desiderio così che non si separino mai]. Poiché la nostra anima riposa in Dio nella quiete, in Dio ha la vera forza. La nostra anima è per sua natura radicata in Dio in un amore infinito. E dunque, se vogliamo conoscere la nostra anima, conversare e entrare con essa in comunione, dobbiamo cercarla in Dio nostro Signore, in Lui essa è racchiusa.

XVI.lxviii.143v

And then our Lord opened my ghostly eye and showed me my soul in the midst of my heart. I saw the soul so large as it were an endless world and as it were a blissful kingdom. And by the condition I saw therein I understood, that it is a worshipful city.

E Dio nostro Signore aprì gli occhi del mio spirito e mi mostrò la mia anima nell'intimo del mio cuore. Vidi che l'anima era così grande da essere come una cittadella senza confini e come un regno beato. Capii da quel che vidi dentro che è una città da adorare.

______________________________________

Selections made by Martin Buber from Julian of Norwich's Showing of Love in his anthology, Ecstatic Confessions, published in 1909.

Passi scelti da Martin Buber (Ecstatic Confessions, Syracuse University Press, 1996; Ekstatische Konfessionen, Verlag, 1909) dal Libro delle Rivelazioni della beata Giuliana di Norwich, tradotto da Domenico Pezzini nel 1984. Julian of Norwich, Showing of Love, edizione definitiva e traduzione a cura di Sister Anna Maria Reynolds, C.P. e Julia Bolton Holloway (Firenze: SISMEL, 2001).

For an oral reading of these passages see http://www.umilta.net/buber.mp3

See also the web essay by Kenneth Rexroth on 'The Hasidism of Martin Buber': http://www.bopsecrets.org/rexroth/buber.htm§

and the essays, Contemplating on Hebrew, The Joy of Hebrew, Julian and Judaism, Julian's Medieval Midrash, Karen Graffeo, Chuppa


JULIAN OF NORWICH, HER SHOWING OF LOVE AND ITS CONTEXTS ©1997-2017 JULIA BOLTON HOLLOWAY  || JULIAN OF NORWICH  || SHOWING OF LOVE || HER TEXTS || HER SELF || ABOUT HER TEXTS || BEFORE JULIAN || HER CONTEMPORARIES || AFTER JULIAN || JULIAN IN OUR TIME ||  ST BIRGITTA OF SWEDEN  ||  BIBLE AND WOMEN || EQUALLY IN GOD'S IMAGE  || MIRROR OF SAINTS || BENEDICTINISM|| THE CLOISTER || ITS SCRIPTORIUM  || AMHERST MANUSCRIPT || PRAYER|| CATALOGUE AND PORTFOLIO (HANDCRAFTS, BOOKS ) || BOOK REVIEWS || BIBLIOGRAPHY ||