JULIAN OF NORWICH, HER SHOWING OF LOVE AND ITS CONTEXTS ©1997-2010 JULIA BOLTON HOLLOWAY  || JULIAN OF NORWICH  || SHOWING OF LOVE || HER TEXTS || HER SELF || ABOUT HER TEXTS || BEFORE JULIAN || HER CONTEMPORARIES || AFTER JULIAN || JULIAN IN OUR TIME ||  ST BIRGITTA OF SWEDEN  ||  BIBLE AND WOMEN || EQUALLY IN GOD'S IMAGE  || MIRROR OF SAINTS || BENEDICTINISM || THE CLOISTER || ITS SCRIPTORIUM || AMHERST MANUSCRIPT || PRAYER || CATALOGUE AND PORTFOLIO (HANDCRAFTS, BOOKS ) || BOOK REVIEWS || BIBLIOGRAPHY || File audio in: italiana http://www.umilta.net/Poesie.mp3 Recording in English http://umilta.net/Poems.mp3





POEMS PENNYEACH  

   

Florence from San Miniato at Vespers


POESIE DA UN PENNY



 

 fled my mother's hate in Florence
For my father's exiled silence.
I take the veil and Beatrice's name
Amidst Ravenna's tesserae.

e are Milton's nameless daughters,
Forbidden Hebrew, Greek or Latin,
Who write down his hellish vision
Of lost England from blind silence.

left my father's London hatred,
I found my son's Italian music,
And, in Casa Guidi's sunlight,
Write, 'O bella libertà!'


Firenze in fuga dall'odio di mia madre
Per il silenzio esule di mio padre.
Prendo il velo, il nome di Beatrice,
Tra le tessere dei mosaici di Ravenna.

iamo le anonime figlie di Milton
l'ebraico, il greco o il latino, proibiti
Dal silenzio della cecità plasmiamo la visione
infernale della sua perduta Inghilterra.

 Londra abbandonai l'odio di mio padre,
per trovare la musica italiana di mio figlio.
Nella luce solare di Casa Guidi,
Scrivo, 'O bella libertà'



 

A Song of Rye Sixpences

 

 Rye Town's a fair town

Of cobbled streets and Dolphin Taverns.

Beyond lies Sussex, Kent,

All England stretching

Into Wales and over

Rippling sea to Ireland.

Marshes surround Rye Town

Where lambs can skip and ewes do bleat.

Beyond are primrose woods and mossy banks

And bluebell carpets magical.

Nightingales and cuckoos sing

Terue, terue, jug, jug, cuckoo,

And hawthorn blossoms on the hedge.

For England in April is Shakespeare

And England in May is Milton,

With a hey, nonny, nonny, ney,

Under the Greenwood tree,

Come hither, come hither, come

You with your princelike name,

There are sixpences and cobbled streets

In Rye.                          1956




Una canzone di sei penny in Rye

 graziosa Rye Town
strade acciottolate e taverne Dolphin.
Oltre il Sussex, il Kent,
L’Inghilterra tutta
Si stende nel Galles
e al di là il mare gorgogliante verso l’Irlanda.

Paludi tutt’intorno a Rye Town
Qui gli agnelli saltellano, belano le pecore.
Oltre, i boschi di primule e le rive muscose
Tappeti incantevoli di campanule.
Usignoli e cuculi cantano
Chiù, chiù, chiù, cu, cucù, cu,
la siepe fiorita di biancospino.

L’Inghilterra in aprile è Shakespeare
L’Inghilterra in maggio è Milton,
‘Con un eh, con un oh, con un eh no-ni-no’.
sotto ‘verdi fronde’,
vieni qui, qui vieni, vieni tu
col tuo nome di principe
sei penny e strade acciottolate
in Rye.



ake with the harsh hands
Water, wine, bread from stones,
Make blood.
They've spilt enough of it for this.

Bread from stones, make flesh.
Blood's been often shed in exchange for bread.
Take with the harsh hands,
Water, wine, bread from stones.

Rivulets of blood shed for creed and bread.
They knew not which nor why nor where
On the barbed wire lies impaled the lacerated flesh.
Take with the harsh hands.

1957

Holman Hunt Chalice, Benoni Hunt Paten
St Mark's Church, Florence


on le rozze mani prendi
Acqua, vino, pane dalle pietre
Fanne sangue.
Tanto ne è stato versato per questo.

Dalle pietre pane, fanne carne.
Tanto il sangue versato per il pane,
Con le rude mani prendi,
Acqua, vino, pane dalle pietre.

Rivoli di sangue versati per il credo e il pane.
Senza sapere per cosa, perché, dove
sul filo spinato infilzata la dilaniata carne.
Con le rozze mani prendi.




Mosaic in Murano

lice, an ancient pilgrim,
Wandered,
            By the way,
Backwards through time,
To become, not the loathly hag
Of Bath, nor Malory's Alys
La Beall Pylgryme,
Bride to the Orphelyn,
But carolling Alice,
Child as Swain, whose tale,
Said Victoria's mathematician
             Dodgson
Was a wither'd wreath of
Flowers plucked in a far-
Off land of dreams
And forbidden gardens.


Window, Brigittine Convent, Altomunster, 1992  

lice, una vecchia pellegrina,
per il sentiero, smarrita,
                      errava,
a ritroso nel tempo,
Non per divenire la ripugnante megera

di Bath, né l'Alys di Malory,
La Beall Pylgryme,
sposa di Orphelyn,
ma Alice nel girotondo,
figlia pastorella; la sua favola,
disse il matematico vittoriano
                     Dodgson,
una ghirlanda di fiori vizzi
in una terra lontana
in una terra di sogni,
in giardini proibiti, colti.


Sinai from Saint Catherine's, 1992 
       

                                               

                                                                                             

On My Father

Passage to and from India

e told me of the long drawn out
         ship

voyage through the
Red Sea to
Bombay,
the White Cliffs being
Malabar hills.
I never saw it
though my godmother's
chichi

sounds amidst
the tea cups.
My imperial father telling fables
to his colonial child.                                          

Su mio padre

Viaggio in India e ritorno

i raccontò della lunghissima
              traversata
del Mar Rosso
per Bombay.
Dalle bianche scogliere,
alle colline di Malabar.
Mai la vidi,
ma risuonare udii
tra le tazze da tè
l'inglese-indiano
della mia madrina.
Racconta fiabe
mio padre imperiale alla

sua bambina coloniale.
1957


On my Father's Death in Italy, 1975

I

utlined by light of Roman eve
At his study my father sits,
Needing lions to pull his thorns,
An old Jerome in a red walled room,
Geraniums, swallows, on the sill.
Books build perilous Babel towers
Upon the black oak thorn carved chairs
While Colosseum lions
Roar writers' requiems.


Roman Forum





 Morte di mio padre in Italia, 1975

I

ella luce della sera romana il profilo
di mio padre che siede nel suo studio,
leoni dovrebbero estrarre le sue spine,
un vecchio Girolamo in una stanza di rosso tinta,
sul davanzale gerani e rondini.
Perigliose torri di Babele i libri innalzano
sulle sedie di scura quercia, spine intagliate,
i leoni del Colosseo
ruggiscono il requiem degli scrittori.

II

, outraged, found some one with
red ink, large crude letters, his death date had
writ on library catalogue card,
printed black on white.
American abstract.

I could not throw black funerary earth,
though others did,
into the palm-lined grave,
only red geraniums from his study window sill.
Italian exile.


Radcliffe Camera, Bodleian Library, Oxford

II

uriosa per quelle grandi e rozze lettere
di inchiostro rosso, la sua data di morte
sulle schede della biblioteca,
nere lettere segnate su campo bianco.
Astrattismo americano.

Altri, non io,
han potuto gettare un pugno di terra nera
nella fossa rivestita di foglie di palma,
solo gerani rossi dal davanzale del suo studio, io.
Esilio italiano.


Oxford's Dreaming Spires

III
 
hey are not pearls that were my father's eyes
Though he was like a poet's tale of Avon.
The Bodley orphan fetching books for Yeats,
Buried now by Cestius' pyramid.
My son, my brother, stand by my side,
Blue-eyed as he, beneath the Roman charnel rood.
Nuns and atheists bring him flowers and
'Glorney Bolton, Writer', says his stone.

Oxford's University College

III
on sono perle quegli occhi di mio padre,
egli favola di poeta dell'Avon,
l'orfano della Bodleiana che portava libri a Yeats,
giace ora vicino la Piramide Cestia.
Nella cappella romana, sotto la croce,
mio figlio, mio fratello, accanto a me,
g
li stessi occhi azzurri di lui.
Monache e atei portano fiori in omaggio.
Sulla sua tomba: 'Glorney Bolton, Writer'.


Window with Grape Vine, Sessa Aurunca

                                                                                                                                                                                                     



heat

and grapes
  bread and wine,
  flesh and blood,
death and
life

Holman Hunt, Chalice and Paten



rano e uva,

pane e vino,
carne e sangue,
morte e vita
          

arya said,
'Josef. Come.
I am afraid.
Our
child sleeps
his
arms outstretched
in blessing

or crucifixion'.

      osef,
whose weary feet had trod
Calvary all day,
muttered from
behind the newspaper,
'What fools you women are
over religion
and babies'.




'Marya Said' Music, Doug Hewitt
1958



aria disse,
'Vieni,
guarda nostro figlio.
Temo.
Dorme, le braccia
distese, benedicente
o crocifisso'.

               iuseppe,
       che saliva con passi stanchi
       tutto il giorno il Calvario,
       dietro il giornale del vespro

       mormorava,

       'Quanto sciocche voi donne siete
       sulla religione,
       sui bambini'.
                                                                     

Ferdinand/Miranda

 

ame and play

Of love and

    Chess

Castles overthrown, queen captured,

Upon the motley board

Alone.

The martial red awaits the move.

Let me kiss you.

   Do you mind?

Do you enjoy

   Cherries from off the laden boughs of summer?

Do but bid me get them.

   Ah, I forgot your pawn.

And now it is your move.

Miranda, though art most lovely,

See, the sun makes rainbows of your hair.

It glints like the light on

   New minted pennies.

Let me give you cherries.

But see how

   The black rook advances.

Ah, my king.

   So, it's checkmate

Alas.

   But do come gather cherries

Before they fall and fade.
Ferdinando/Miranda

zzardo e gioco
d’amore e di scacchi
Castelli rovesciati, regina conquistata
Sulla scacchiera variopinta
Solo
Il rosso marziale attende la mossa.
Un bacio
Posso?
Ti piacciono le ciliege
Colte dai rami carichi in estate?
Esse sono, se lo chiedi,
per te.
Ah, dimenticavo il tuo pegno
Ora tua è la mossa.
Guarda, Miranda, tu la più graziosa:
dei tuoi capelli il sole fa arcobaleni,
Brillano del brillio delle monete
Di nuovo conio.                               
Ciliege il dono mio per te.
Guarda, ora, come
Avanza la torre nera
Ah, mio re.
E’ scacco matto
Ahimè
Andiamo, infine, a raccogliere le ciliege
Prima che cadano pallide e guaste.


For Robert Orem

 sorrow of seagulls wheeling over,
Patterns 'gainst a pewter sky
John Milton's melodies
Composed in lofty blindness
Upon oceanic organs.
Spheres, stars, orbs,
Celestial morris of the tides.
Shadows on sand of the flight of a gull.
1958



A Robert Orem

na pena di gabbiani roteanti,
Disegni contro un cielo di peltro
Su oceanici organi
le melodie di John Milton
Composte in nobile cecità.
Sfere, stelle, orbite
celeste moresca delle maree
sulla sabbia ombre di un gabbiano in volo.
                                              1959


To my Son


ou were born when the golden

Wheat dancing in waves to the wind

Fell to the sickles of farmer folk

And stacked in shocks sunned goldenly

˜Til the wagons came and garnered them

Into storehouse and barn.

And when the rose red apples like your

Silken plump cheeks were harvested

And garnered into winter attics.

And the onions were festooned from the rafters

And the lavender stripped and

Laid between fair linen in cupboards.

 

And as winter came you learned to smile

And the stars smiled and trembled in the

Sky above vast lands of snow. You and I

Went fishing for stars.

We hung them round your cradle in an endless

Sparkling chain and laughed and smiled together

Until you squalled for food and shook the chains
with anger

And I gave you milk. You suckled my breast

Lustily and grew strong and

Satiated drew you head away

Looking up and crowing with

Pleasure.

 

With the spring

We went out into the fields, you and I,

You tried so hard to say words in our language.

We gathered flowers.

You grabbed them and my hair.

Do you remember the daffodils growing wild in the

Woods and the bluebells, the primroses, the gorse,

The vetch, the violets,

The daisy chain chaplets we wove for you,

King of your dark eyes, your auburn hair

And your apple red cheeks?

And the hawthorn blossom falling speckled the grass

And you laughed.

 

And in the summer

When along the hedgerows the wild roses and

The ivy tendrils wove white and dark green

Canopies of shade

You became sun gold.

You took your first few faltering steps

And laughed when you tumbled.

We dined then on strawberries, clotted cream,

With never a care in the world.              1959

A mio figlio

asci con le spighe dorate,
onde che danzano al vento.
Abbattute sotto la falce del contadino
Fasci stretti nell’oro del sole,
finché il carro giunge
e le ripone nel granaio e nel fienile.
Nasci con le mele vermiglie,
morbide guance di seta,
nei freddi solai conservate.
Quando dalle travi pendono cipolle a trecce
E negli armadi tra la biancheria
Sono riposti i sacchetti di spigo.

Al giungere dell’inverno già sorridevi
Le stelle pulsavano nel cielo alto, sorrisi,
su vaste terre di neve. Tu ed io,
a pescare stelle.
Le appendemmo alla tua culla,
cascata scintillante di infinito
ridemmo e sorridemmo insieme
fino a quando strillasti per la fame
e le strappasti stizzoso.
Al mio seno avidamente succhi il latte,
forte e sazio volti la testa
in su guardando
con gridolini di gioia.

In primavera uscivamo nei campi
Tu ed io,
ti sforzavi nelle tue prime parole.
Raccoglievamo fiori,
che strappavi come i miei capelli.
Ricordi gli asfodeli
Che crescevano nel bosco
Le campanule, le primule odorose, la ginestra spinosa,
il latiro, le violette,
le ghirlande di margherite intrecciate per te,
Re dei tuoi occhi scuri, ricordi i tuoi capelli,
le tue guancette rosse come mele?
La pioggia di biancospino fiorito macchiava l’erba
E tu ridevi.

In estate,
quando lungo le siepi le rose selvatiche
e l’edera intrecciavano volte d’ombra
bianche e verde scuro,
diventasti sole dorato.
Facesti i tuoi primi passi incerti
E cadendo ridevi.
Fragole, la nostra cena e crema grumosa.
Senza curarci del mondo.

Words on paper

 contain words, - a word hoard, a chest
            containing words.

You can stir, disturb my ordering, flung ripples on
            the pond from cast stone.
For once I, paper, am poem.
            And you, reader, are poet.
The fascism of poetry becomes ecology,
democracy.
Null'altra pianta che facesse fronda
  o indurasse, vi puote aver vita,
  però ch'a le percosse non seconda.
Change me, arrange me, suspend me, lend me
                     new meanings.

Form me into a crown of peace, of words recycled,
                         rewoven.
I am paper                                             I am words.
         Together we are poem, your poem.
                      You made me.


                    Georgia O'Keefe's Abiqui, New Mexico             


Parole sulla carta

ustodisco parole, - un calepino, uno scrigno
            di parole.

Puoi agitare, scompigliare il mio ordine,
            col sasso
increspare lo specchio d'acqua
Per una volta io, carta, sono poema.
            Tu, lettore, sei poeta.
Il fascismo della poesia diviene ecologia,
democrazia.
No other plant that would put forth leaf or harden
    can live there, where the wave beats it,
    because it yields not to the buffetings.
Trasformami, accordami, sospendimi, concedimi
             nuovi significati.

Sia io corona di pace, corona di parole che ritornano,
             ritessute.
Io sono carta                             io sono parole.
          Assieme siamo poema, il tuo poema.
                     Sei tu il mio fattore.

Purgatorio I.103-5                                   1969

And a better poem than mine, Malcolm Guite's 'Cutting Edge' http://www.ampublishing.org/flanagan/riprap-guite-cutting edge.mp3

Sophia's Papa in London Town


ave you never roamed the hills and
      Through the woods,

      Spaniel followed?

You mean you've never, gun levelled, watched
Pheasants rise

And measured 'em with precision.

The frost tingling your fingers as you blow on 'em,

Smoke rising straight from the keeper's cottage?

You mean you've never followed hounds

As they sing

     Through the meadows?

Or head the horn sounding 'em to pack,

Pink coats severing fox brush and mask for you,

To mount in some manorial gun room smelling

    Of musk, snuff, leather, tobacco, woodsmoke?
                                                                1956

Il padre di Sophia a Londra 

ai mai vagato per le colline e i boschi
Seguito da uno spaniel?
Davvero mai, vuoi dire, con il fucile diritto e puntato,
hai osservato i fagiani nel breve volo.
Il gelo che bruciava le tue dita
su cui soffiavi,
il fumo che si levava in alto
dalla casetta del guardacaccia?
Davvero mai, hai tu tenuto dietro ai latrati
Del segugio nel prato?
Mai hai udito il corno che lo richiama alla muta?
Nella giubba rossa da caccia per te tagliano
Coda e testa i cacciatori 
Per montarle nella sala d’armi d’un signorotto
Odorosa di muschio, tabacco, pelle, legna.


On Battle Abbey Sold

he Webster woes
upon the walls,
where are they now?

Where the buskin'd boy
in woods
bow in hand, hound at side?

Where is Abigail now found
Restoration bosom rounded
Beribbon'd with satin?


Where is Godfrey gone,
Of eighteenth.century hauteur,
Snuffbox and fair linen?

Where the Webster portratis,
tarnished gilding,
crested silver, holly on mahogany?

Where, beyond Queen Ann windows,
the mocking child of terrace stone
as sno
w down palls?

La vendita di Battle Abbey


e pene dei Webstere
appese alle pareti,
dove
son ora?

Dov'è il bimbo con i calzari
che nei boschi vaga
l'arco in mano, il segugio al suo fianco?

Dove è ora Abigail,
il prosperoso seno
della Restaurazione
adorno con nastri di seta?

Dov Godfrey,
quell'altezzosità dell'Ottavo secolo,
la tabacchiera e le belle camice?

Dove sono i ritratti dei Webster,
le loro cornici d'oro annerito,
l'argenteria del casato,
l'agrifoglio sul tavolo di mogano?

Dov'è sulla terazza, oltre le finestre
Regina Anna, il putto di pietra
che la coltre di neve copriva?


Mandala

x, eagle man and lion
Create the cross that I die on.
Eagle, ox, lion and man
Shape the world in which I am.
Man, lion, ox and eagle
Make us equal to all people.
Man, eagle, lion and ox
New-born child in manger box.
Mandala

quila, uomo, leone, bue
Creano la croce sulla quale muoio.
Aquila, bue, leone, uomo
Plasmano il mondo in cui io sono.
Uomo, bue, aquila, leone
Eguagliano noi agli altri.
Uomo, bue, leone, aquila
Il bambinello nella mangiatoia

                   

Prophecy

he sallows basket,
the fern-strewn manger,
of Miriam and Mary,
splendid with apples
foretell of
fir, ash and oak,
almond and pomegranate,
hazel and mistletoe,
holly and ivy.

 shepherd boy from the Abruzzi
flauting in wintry
Roman streets
heralds today
in a grove of twelve
Aaron and Christ


Eileen Mary Bolton, Nativity, Welsh Shepherds
Profezia

a cista di salici,
rivestita di felci la mangiatoia,
di Miriam e Maria,
ricche di pomi
d'abete oracolano
di frassino e quercia,
di mandorlo e melograno,
di nocciolo e vischio,
d'edera e agrifoglio.

n pastorello degli Abruzzi
zampogna per le fredde
vie di Roma
araldo oggi
in un boschetto di dodici
di Aronne e Cristo.

San Felice Cloister, Pavia

The Ploughman's Tale

n March Adam is ploughing,
sowing of seed
upon parchment's furrows ruled.
The wind and the rain are at my back
Driving me forth from warmth of byre
Into bitter cold.

n Christ April the seeds tendril
in coils of green, soon calyx flowers,
the sanguine rubric, the emerald vert,
twist and twine, run riot
amongst the black and white.

n World May flowers full bloom
the vermilion poppy with leaves of vert,
The azure corn flower amidst golden wheat,
Though thrashing alchemy shall outcast cockle
Till nought remains but gold.

oomsday harvest reaps them,
Winter December slays,
Save in warmth of byre,
There where verbum caro factum est.



Dorothy Joyce Bolton, Harvest at Sessa


La favola dell'aratore

ra Adamo in marzo,
semina nelle tracciate righe,
solchi di pergamena.

Mi sospingono il vento e la pioggia
dietro di me,
dal tepore della stalla
al pungente freddo.

ell'aprile di Cristo germinano i semi,
volute di verde creano, in un subito fiori a calice,
attorcigliati, intrecciati,
la sanguigna rubrica, il verde smeraldo,

tra il bianco e il nero lussureggiano.

n piena fioritura nel maggio del mondo
il biancospino,
il vermiglio papavero dalle verdi
foglie,
il fiordaliso azzurro tra il grano dorato.
L'alchimia della trebbiatura
scarterà il loglio, nulla rimarrà se non l'oro.

l raccolto del Giorno del Giudizio
falcia la messe,
l'inverno di dicembre uccide,
salvo nel tepore della stalla,

là dove
verbum caro factum est.


Laurentian Library, Cloister  

 
         War, 1939-45

ingers of intensity

Feel and braid across a night sky

As they braid like stiff wire

Above the arcuated trees.

Bullets land in the quietness

Of a village street,

A little child is killed,

Its body riddled through.

The swastika is become

A most hated symbol.

Searing searchlight rip up

The darkness of the sky.

And comes war.

'Bestial lunacy',

Said Leonardo

And all the while

Fingers of intensity

Feel and grope

           Across the dark.           

Written in response to the Suez Crisis, 1956
Guerra, 1939-45
ita taglienti
Si intersecano,
nello scadaglio della notte
come filo metallico teso
Sugli alberi arcuati.
Nella strada quieta di un villaggio
Cadono a terra proiettili,
un bambino è ucciso
il corpo crivellato.
Odiatissimo simbolo la svastica.
Un incandescente fascio di luce
lacera la tenebra del cielo.
E’ guerra.
“Pazzia bestialissima”
disse Leonardo.
Per tutto il tempo
Dita perforanti
Scrutano e cercano
Nell’oscurità della notte.

                        1956

 


In Quincy, following Berkeley, I wrote a series of poems titled 'Alexandrines', because like those in Alexandria they played games with shapes. In Princeton, Richard Kinsey calligraphed them in the script of the Book of Kells.

A Quincy, dopo aver lasciato Berkeley, ho composto una raccolta di poesie dal titolo 'Alexandrines' sulle orme della poesia alessandrina giocando sulla forma. A Princeton, Richard Kinsey le ha elaborate in calligrammi con i caratteri del Libro di Kells.




Orecchie d'asino

urbato dal peccato
il Cavaliere Guyon
e il pellegrino-lettore

possono vedere e sapere
se ne astengono tuttavia

ncomium Moriae. Per i pazzi
le orecchie d'asino
sono la nostra livrea

Cornamusa Mugnaio Marsia

l paradosso di Mida
dello speculum stultorum
Wireker e
Canterbury,
Dover
variopinto buffone
bastone di giullare,
pietra lidia,
Touchstone
Cordelia







L'albero della vita


adici nell'oceano
rami come cariatidi
    Watling Street
    Via di Santiago
    Via Lattea
o capovolti
    patiboli croce

Drago e mele





Mappaemundi

adre bambino
i magi in un intricato
labirinto,
eternità
racchiusa nel tempo,
la vita nella morte,
patibolo inghirlandato
di mele,
Gerusalemme,
Terra
e Oceano




Il laccio di Gawain

ntrecciato
labirinto di Kells
morte e vita
Serpenti attorcigliati
    bordone,
caduceo.
    Verde
Oro
    Rosso
Aronne
e Salomone.
Fallacia della mortalità.


Embroidery for a Chasuble



Croce

o
 r

o

l'
l

e
n
I l  s o g n a t o r e  v i d e
i
n
i
 b
 u
r


e
u
q
n
i
c



Ravenna bizantina

eats
Dall'Irlanda dei dolori,
Dove i vichinghi solo
edificarono città,
nella Ravenna di
Dante e Damiano giunse
con la barca della morte,
per il viaggio dell'anima,
con lo sguardo scrutando
il vortice,
il labirinto,
il belvedere dell'anima.
Fuga dalla realtà,
dai bassifondi
della Dublino danese
dove bimbi straccioni
piangono mendicando.       


 

Greek Epitaphs for Tombs in Florence's
Swiss-Owned 'English' Cemetery

I, wife to Mr Browning, mother to Pen,
lay my weary bones here.
Many poems I wrote to him.
He one of murdering me.

I, Hiram, of Vermont and Cincinnatti,
sculpted 'America', the 'Greek
Slave', the 'Last of her Tribe'.
A Swedenborgian, I hated slavery.

I, Nadezhda De Santis, came
to Florence from Nubia at fourteen,
a Black Slave.

I, Elizabeth Shinner, maid
to the Trollopes, was given by
them a fine funeral
and touching epitaph. Read it.

I am Theodore Parker,
preacher against slavery.
To my grave came
Frederick Douglass.

I, Maurice Baruch,
librarian at Holy Trinity,
loved books
and am a blessing.

I, James Lorimer Graham,
American, my bones shattered
in shipwreck, give all
my books and art to New York's
Century Club.

I am Isa, friend to Browning,
friend to India's Viceroy,
friend to all, but none
would marry me.

John Sinclair of Edinburgh
I am, son of a soldier,
a soldier. Another John
Sinclair joins me here
in Florence

I am William Somerville. My
wife Mary discovered two
planets for which I and
her son are members of
the Royal Society.    

                                 

Epitaffi greci per i sepolcri del Cimitero
svizzero detto “degli Inglesi” a Firenze

Sono la moglie di Mr Browning, madre di Pen,
le mie ossa stanche qui deposi.
Molte poesie dedicai a lui.
Egli un poema su come uccidermi.

Sono Hiram del Vermont, di Cincinnati,
scolpì 'America', 'La schiava greca',
'L'ultima superstite della sua tribù'.
Seguace di Swedenborg, odiai la schiavitù.

Sono Nadezda De Santis, quattordicenne
giunsi a Firenze dalla Nubia,
una schiava nera.

Sono Elizabeth Shinner, cameriera
dei Trollope, la loro generosità
mi donò un bel funerale,
un toccante epitaffio. Leggetelo.

Sono Theodore Parker,
predicatore contro la schiavitù,
Frederick Douglas rendendomi omaggio
visitò il mio sepolcro.

Sono Maurice Baruch,
bibliotecario alla Holy Trinity Church,
amai i libri,
sono una benedizione.

Sono James Lorimer Graham,
americano;
infrante le mie ossa
in un naufragio. Donai
la mia biblioteca e collezione
d'arte al Century Club di New York.

Sono Isa, amica di Browning,
amica del Vicerè d'India,
amica di tutti,
ma nessuno mi prese in sposa.

Sono John Sinclair di Edimburgo,
soldato e figlio di soldato.
Un altro John Sinclair
qui a Firenze
ora giace accanto a me.

Sono William Somerville,
mia moglie Mary scoprì
due pianeti, suo figlio e io
membri per questo
della Royal Society.




I am Louisa Adams Kuhn.
Read of my dying in my brother
Henry's book, its 'Chaos' chapter.

Southwood Smith, doctor, am I,
who worked against employing,
abusing, children in mines and
factories. Read my epitaph
by Leigh Hunt.

I could not face celibacy,
I could not face marriage.
Arthur Hugh Clough am I beneath
Champollion's winged globe.

I, Henry Savage Landor,
journey Everywhere,
then die where I was born.

I, Robert Davidsohn,
write Florence's history
out from her archives. Read my books
to understand Dante.

I am Theodosia Garrow Trollope.
My mother a Jewess, my father
the son of an Indian princess,
my daughter, Bice.

I, Walter Savage Landor,
wrote many quatrains for
my tomb. Instead, Algernon
Swinburne's epitaph is on it.

I stepped out of Jane Austen's
pages, came to Florence
to die in childbirth.
Sarah MacCalmont
is my name.


I, Giampietro Vieusseux,
work for Florentine freedom. R.B.
lied to E.B.B. I did not exclude
women from my reading room.


I am Major William Sewell,
son of a king, friend to a
fellow soldier, husband
of Georgina.

My husband paints me,
sculpts my tomb, my son
Benoni lives, I am Fanny
Holman Hunt.




Montebeni, View of Florence

Sono Louisa Adams Kuhn. Leggete
su come morii nel capitolo "Caos" del libro
di mio fratello Henry.

Sono Southwood Smith, medico.
Mi feci difensore dei bambini nella lotta
contro lo sfruttamento nelle miniere,
nelle fabbriche. Leggete il mio epitaffio,
Leigh Hunt ne è l'autore.

Non ero fatto per la castità,
non ero fatto per essere sposo,
Sono Arthur Hugh Clough,
sotto il disco solare alato di
Champollion ora riposo.

Sono Henry Savage Landor,
viaggiai Everywhere, per Ogni Dove,
per morire poi dove nacqui.

Sono Robert Davidsohn,
scrissi la storia di Firenze
mia fonte primaria gli archivi.
Per capire Dante leggete i miei libri.

Sono Theodosia Garrow Trollope,
mia madre era ebrea, mio padre
figlio di una principessa indiana,
il nome di mia figlia 'Bice'.

Sono Walter Savage Landor,
scrissi molte quartine
per la mia tomba. Vi si legge ora
l'epitaffio di Swinburne.

Uscii dalle pagine di Jane Austen,
giunsi a Firenze
morendovi di parto,
Sarah MacCalmont
è il mio nome.

Sono Giampietro Vieusseux,
lottai per la libertà di Firenze.
Mentì ad Elizabeth Browning: le
donne non esclusi dal mio Gabinetto.

Sono Major William Sewell,
figlio di re, soldato, amico del
mio compagno soldato, marito di
Georgina.

Mio marito mi ritrasse,
scolpì il mio sarcofago,
Benone, mio figlio, sopravvisse a me,
Fanny Holman Hunt è il mio nome.  

                                                                     2008


            
             Vallombrosa



Christmas Day, 2008

A blue cloak,
My son beneath,
A great storm,
The Isles of Greece

Each time I look,
He smiles at me,
Amidst crashing waves,
On slippery shipboard

Aaron’s ephod, Elisha-Elia’s cloak
Julian’s garb of God as Mother
Kate’s cloak in Aurora,
My cloak, Thy cloak

Mary, protect my son,
His blue eyes, his red-gold hair,
Beneath Thy cloak.
Let him smile at Thee.

I have lost him.

Natale, 2008

Un manto blu
E, sotto, mio figlio
Grande tempesta
Nelle isole greche

Ogni mio sguardo
Incontra il suo sorriso
In mezzo all’impeto delle onde,
Sul ponte scivoloso

L’efod di Aronne, il manto di Eliseo/Elia
La veste di Dio madre
Di Giuliana di Norwich
Il mantello di Kate in Aurora Leigh
Il mio mantello, il Tuo

Maria, sotto il Tuo manto
proteggi mio figlio,
occhi azzurri capelli fulvi.
Lascia che Ti sorrida.

L’ho perduto.





 
Julia Bolton Holloway

'English' Cemetery/ Cimitero 'degli Inglesi'
Florence, Italy

Water Colours/ Acquerelli, Julia Bolton Holloway
, Joyce Bolton, Eileen Mary Bolton
Calligraphy/ Calligrafia, Richard Kinsey, Music/Musica, Doug Hewitt 
Translated/ Traduzione di Assunta D'Aloi
With Gratitude to/ Un ringraziamento particolare a Maria Grazia Beverini Del Santo
e Padre Massimiliano Rosito

These collected poems and paintings take their title from James Joyce's
Poems Pennyeach. Their earlier publication of pacifist poems was at Berkeley during the Vietnam War. They give a scholar's autobiography and travel/pilgrimage sketchbook, thus, as well, a geography. Isak Dinesen wrote 'Pearls are like poets' tales. Loveliness born out of disease'. In trauma one creates mandalas, charms and spells that assuage souls from abusive violence. They are also participatory collaborations, like crafting a cradle. The alternating red and blue capitals are from the memory system of medieval manuscripts, the colours of the umbilical cord. The background and colophon are of a mosaic on a church floor in Murano, similar to those at Tabgha on the Sea of Galilee. Two birds in Jewish and Christian art flanking a chalice, here eating the Eucharist, symbolize the Shekinah, God's presence.

Questa raccolta di poesie e dipinti prende il titolo da
Poems Pennyeach di James Joyce. In origine pubblicata a Berkeley durante la Guerra del Vietnam come raccolta di poesie pacifiste, è l'autobiografia di una studiosa, il suo taccuino di viaggio/pellegrinaggio, una geografia. Isak Dinesen scrisse che 'Le perle sono come le favole dei poeti. La bellezza nasce dal disagio'. Nel trauma creiamo incantesimi e mandala guaritori dell'anima. Questa pubblicazione è il frutto di un lavoro collettivo, quasi come quando si crea una culla artigianalmente. L'utilizzo di lettere capitali in rosso e blu alternate, i colori del cordone ombelicale, ricalca il sistema mnemonico dei manoscritti medievali. Lo sfondo e l'immagine del colofon riproducono il pavimento a mosaico della Basilica di Santa Maria e San Donato di Murano, che ricorda il mosaico della Chiesa del Primato di Pietro (Moltiplicazione dei pani e dei pesci) a Tabgha sul Mare di Galilea. Nell'arte ebraica e cristiana due uccelli posti ai lati di un calice, che qui si cibano dell'Eucaristia, simboleggiano la presenza di Dio, la Shekinah.




















































Editrice 'Aureo Anello'
Proceeds Benefit
The Restoration Of The
'English' Cemetery,
Florence, Italy